Come funziona la Mammografia al Seno?

Cosa è la mammografia?

La mammografia è un’immagine a raggi-x utilizzato per esaminare il seno per la ricerca del cancro o di altre malattie del seno.  È utilizzato sia per strumento di ricerca e diagnostica

Come funziona?

mammografia

Durante la mammografia, il seno della paziente è inserito in un supporto piatto e schiacciato con un altro supporto proveniente dalla parte superiore. Una macchina a raggi-x produce un picco di energia che penetra attraverso ciascun seno. Lo strumento può essere un supporto di tipo fotografico oppure di tipo digitale che trasmette le immagini al computer.

Le immagini prodotte dal supporto vengono chiamate mammogrammi. Nel film mammografico, i tessuti a bassa densità, come i grassi, appaiono come aree di colore grigio scuro, mentre i tessuti più densi, come i tessuti muscolare e ghiandolari o tumorali, appaiono più chari. In una mammografia standard, sia la parte alta che la parte bassa del seno vengono analizzate, anche se il dottore può decidere a sua discrezione di analizzare altre parti del seno.

screening-mammografia

Il radiologo esaminerà la mammografia per ricercare le aree con alta densità o aree anormali per confrontarli con le parti con tessuto normale. Queste aree possono si essere rappresentate mediante differenze tipi di anomalie, inclusi tessuti cancerogeni, tessuti con masse benigne o cisti.

I radiologi guardano l’aspetto, la forma del seno e il contrasto con altre parti che possono indicare presenza di masse maligne. Vedono anche pezzi di calcio, detti microcalcificazioni, che costituiscono parti di colore bianco molto evidenti nella mammografia.

Benché queste calcificazioni siano in genere di natura benigna, ma possono rappresentare anche la presenza di specifici tumori. Se la mammografia mostra una o più aree sospette, il radiologo può ordinare successive mammografie o biopsie.

Perché il seno deve essere schiacciato?

Lo schiacciamento del seno ottimizza la qualità dei raggi X, evitando che un movimento involontario del paziente possa falsare i risultati. Inoltre i raggi X possono viaggiare attraverso una linea più corta per arrivare allo strumento di analisi dei dati, riducendo la quantità di radiazioni e incrementando la qualità dell’immagine a raggi x. Lo schiacciamento del seno permette inoltre d’identificare tutti i tessuti mammari in un singolo piano, diminuendo la possibilità di oscuramento delle possibili anomalie.