Standard dell’operazione chirurgica al seno

La più comune operazione al seno è chiamata mastopessi, la quale posiziona i capezzoli più i alto nella zona del petto. Questa procedura è in day hospital, infatti l’operazione viene svolta in poco più di tre ore sotto anestesia generale. Alcune operazioni prevedono l’impianto di seni artificiali durante il lifting al seno, puoi approfondire altri metodi naturali per rassodare il seno cadente su: comefarcrescereilseno.it/come-rassodare-seno-cadente-a-20-anni/

 

I primi passi

Il primo passo è consultare il chirurgo plastico, indicando esattamente gli obiettivi fisici che si vogliono raggiungere. Se la persona vuole farsi impiantare le protesi, deve indicare la misura e portare delle foto di come vorrebbe che il suo seno diventasse.

Le complicazioni dopo l’operazione al seno sono abbastanza rare. Le tre principali sono il sanguinamento post operatorio, varie infezioni e le rimanenze di cicatrici. Il chirurgo darà istruzioni ben precise, come non fumare, non prendere medicinali e prendere determinati antibiotici se è necessario.

Il paziente deve pianificare il periodo di recupero dall’operazione. Per esempio, il paziente dovrà evitare sport pesanti come il sollevamento pesi per almeno 4 a 6 settimane dall’intervento.

La procedura

Una volta entrato in ospedale o clinica privata, il paziente incontrerà l’addetto all’anestesia, il chirurgo e le infermiere prima dell’inizio dell’operazione. Il chirurgo segnerà con un pennello la giusta posizione dei capezzoli, dopo il paziente verrà portato in sala operatoria, dove verrà sottoposto ad anestesia.

Il chirurgo rimuoverà la pelle in eccesso e posizionerà la rimanente nella posizione scelta in fase precedente. Se il paziente richiede gli impianti, questi verranno inseriti dentro e chiusi con un apposito bendaggio. Il paziente potrebbe riscontrare piccole perdite di acqua dal seno durante le successive 24/48 ore.

Il post operatorio

Il chirurgo toglierà le bende and asciugherà eventuali perdite nel primo e secondo giorno dopo l’operazione. Il dottore controllerà anche il colore dei capezzoli e l’apporto di sangue.

Dopo l’operazione, il paziente dovrà stare ad assoluto riposo e attendere con pazienza le sensazioni di disturbo per alcuni giorni della zona interessata dall’operazione. Il dottore raccomanderà l’uso di uno speciale reggiseno per dare supporto durante il ricoverò dall’operazione.

Per maggiori informazioni su altre procedure naturali per far crescere il seno vai su comefarcrescereilseno.it

Durante la prima settimana il paziente avrà bisogno di prendere determinate medicine. Il paziente dovrà porre molta attenzione ad evitare impatti violenti della zona dell’operazione. Tra le due e le tre settimana successive il chirurgo rimuoverà i punti dal seno. La misura del seno continuerà ad aumentare col passare del tempo.

Potesti notare una piccola differenza di simmetria tra i due seni. In questo caso il chirurgo farà dei piccoli aggiustamenti per riposizionare il capezzolo se è necessario. Durante il post-operatorio, è molto importante limitare le tuoi movimenti e riportare immediatamente al tuo medico l’eventuale insorgere di problemi.

Ricorda anche che ogni operazione ha i suoi rischi, incluse le infezioni. Con l’operazione al seno è raro ma possibile una perdita di sensibilità alla pelle del seno e/o ai capezzoli.

Avrai Bisogno di una seconda operazione?

E’ possibile certo. A volte, alcune donne scelgono di ripetere l’operazione per incrementare l’apparenza generale del seno. Una operazione vera e propria di solito non è richiesta in questo caso.